Post in evidenza

Sebastiano Pistore

Ciao, sono Sebastiano Pistore, classe 1998.

Mi esprimo con la scrittura e la musica, per condividere con il mondo ciò che c’è nel mondo mio.

​La mia battaglia è quotidiana contro il mio stato di difficoltà fisica che mi impedisce tante cose e mi blocca nelle mie intenzioni.
La mia libertà individuale dipende da tante persone e dipende dall’organizzazione delle cose intorno a me. Quindi la strada per raggiungere i miei obiettivi non è molto semplice.

L’Amore è il motivo e lo scopo della mia esistenza. Senza amore non c’è vita, non c’è relazione, non c’è comunicazione. È un amore universale che coinvolge tutto e da cui io dipendo. Mi nutro di esso ed è l’aria del mio respiro.
Non posso pensare che l’obiettivo della vita sia soltanto un interesse personale. Credo che l’umanità sia un’unica entità il cui cuore batte d’amore. Forse l’amore è questo. Un desiderio nascosto di eternità

Voglio trasmettervi cosa sono per me le mie poesie e come mi sento quando le scrivo. Quando penso a un testo, sia poetico che musicale, la mia mente esce dal corpo e viaggia libera tra spazio e tempo senza confini, senza chiusure e catene che mi tengono fermo.
Mi ergo libero e leggero e vado ovunque.
A volte le poesie sono po’ malinconiche e tristi ma è proprio perché viaggio anche attraverso i miei sentimenti, che in quel momento questi mi vengono a trovare e io decido di dare loro voce.

Nei miei pezzi, però, troverete sempre messaggi di speranza: la vita è un bene prezioso e ha il diritto di essere piena di gioie e dolori, amori sinceri e teneri, oltre che grandi delusioni e grandi amicizie; insomma la vita da sola è un’opportunità da cogliere sempre.
La vita è pure voglia di leggerezza, così ecco che alcune poesie le ho dedicate alla natura che per fortuna è sempre con noi e ci aiuta a vivere secondo valori importanti e allo stesso tempo semplicemente facendoci uscire dall’artificio della quotidianità.

Le mie poesie sono di vario genere, alcune di tipo autobiografico o meglio a volte,dettate dal mio sentimento  di impotenza e per questo sono di genere malinconico e cercano di far volare la mente dove il corpo si ferma.

Altro genere che incontrerete leggendo le mie poesie è quello della fantasia che non pone limiti e tutto è possibile e mi ritrovo a voler parlare con il sole, l’infinito e altro, dove la musica è una strada per superare ogni cosa; personalmente  questo mi piace di più.

Altre poesie ancora, invece, vogliono mostrare il mondo in cui la natura può aiutarci ad accettare e a vivere meglio le ingiustizie della vita.

Buon viaggio nel mio mondo!

Il cavallo

La velocità,
la forza nervosa,
la bellezza in movimento.
Il colore che si fonde
come una pennellata
nel cielo grigio.
Nella criniera,
fili di luce
si spettinano al vento.
Il cavallo è
il simbolo di massima
vitalità ed energia;
la sincronia è perfetta
nel movimento
delle lunghissime gambe.
Anche il sudore
che trapela dai muscoli
in azione,
trasmette
vitale poesia.
L’affascinante visione si fonde
in un paesaggio selvaggio in cui
il segno dell’uomo è invisibile.
Nella mia mente
io invidio
tutta questa energia
ma soprattutto
ne resto incantato.

 

5 marzo 2010

Sebastiano Pistore

Inverno

Inverno che

con il tuo freddo mantello

tutto copri,

con le notti ghiacciate

e i tuoi fedeli silenzi

rotti dall’ululato del vento

che sferza alberi ed uomini,

ben arrivato.

Il mio triste e deluso animo

ti aspettava.

Mi sento sereno ora,

avvolto dal tuo gelido manto,

che tutto avvolge.

Il paesaggio con te rispecchia

il profondo del mio cuore

e mi doni così la natura

che come me vive

e i villaggi che con me esistono.

È come se mi donassi

un mondo

lugubremente fiabesco,

lugubre ma buono,

senza malvagità

che silenzioso rispetta

e accompagna

il mio sentire il mondo ora.

Grazie, inverno,

perchè passi costante

e porti con te anche la speranza

e il rinnovamento

con il Natale.

Trasformi in città silenti

e ovattate da nebbia e neve,

le città caotiche e rumorose

che quasi coprono

la voce profonda e lieve

dell’essere.

È paura innata di essere.

11 dicembre 2017

Sebastiano Pistore

Natale

Scintillanti visioni, note dolcissime

sentimenti buoni: il Natale.

Il mondo non sembra lo stesso

di ieri e almeno speri

che resti un po’ di oggi domani.

Nelle tue mani l’idea del tuo

futuro, più vero e più puro.

È certo e sicuro che almeno

sarà più nuovo, per me e per te.

Ancora nel cuore con te,

gioia e dolcezza e la tenerezza

di un bimbo con noi

che ci dona amore, per vivere

ancora con armonia.

La mia felice visione sarà

la nostra storia e così sia.

 

Sebastiano Pistore

Angelo meraviglioso

Dall’alto mi segui, mi guidi sicuro,

mi aiuti nei giorni,

di notte mi scruti.

Mi aspetto da te un cenno ogni tanto

così che più vero mi sembri il ritorno.

Terreno è il mio sguardo

e non posso vederti,

io sento però

che qui accanto tu vivi.

Aspettami adesso, aspettami amico,

verrò anch’io un giorno

e sarà per sempre.

Anche se osservo la notte

ti vedo e nel silenzio ti sento

e mi aiuta saperti qui accanto e mi aiuta

saperti così buono e rassicurante.

Angelo del Signore, parlagli, digli che

ho bisogno di Lui perché sia un po’

più semplice vivere sulla terra

e non sia necessario soffrire così tanto.

Angelo del Signore, aiutami a sopportare

questi anni difficili, ho bisogno di tutti

ma soprattutto di te.

 

Sebastiano Pistore

Ode al Natale

Natale,

parola piena di speranza,

simbolo di un cambiamento,

dentro e fuori di noi.

Augurio di pace per tutti,

hai il potere di

far nascere la speranza

anche quando essa

ci ha abbandonato.

Sei tu che accendi i sogni

di grandi e piccini,

sei poesia nei cuori,

fai dono di gioia e amore.

Le luminarie delle città

sembrano mostrare

la via della pace.

La loro luce fa breccia

nell’oscurità della notte,

e trasforma le notti fredde e buie

che incutono paura

in notti invernali piene di magia

di luce e di amore

dove sembra impossibile

che il male possa toccarci.

Sono consapevole che

purtroppo non a tutti

arrivi la tua luce.

Sono sicuro, allo stesso tempo,

che tutti la vedano

e ti sentano anche se fanno di tutto per allontanarti

da chi si nutre di luce e speranza

e che un giorno

la pace in ogni dove

possa giungere.

Grazie, Signore

di averci fatto dono del Natale

simbolo di nascita,

di consapevolezza.

Sebastiano Pistore

Estate nuova

Estate nuova questa

che porta con sé la fine

di una vita scolastica.

Immaturità, ingenuità

speciali amicizie

che appartengono al fanciullo che fu.

Estate nuova che porta con sé

il vento caldo del futuro,

che nessuno ancora sa;

forse triste e solo sarò,

forse felice e pieno

di nuove e vecchie amicizie.

Si vedrà.

Estate nuova, questa per me,

il mio pensiero è più maturo e

fiducioso nel futuro che verrà.

Una cosa che ho

che è certezza per me,

è mia mamma,

il mio sole caldo,

che riscalda la mia vita

e coraggio mi dà.

Estate nuova portami via con te,

pronto sono ai cambiamenti

che insieme a te verranno per me.

Nuovi e felici pensieri porti con te

tristezza e solitudine

portale via da me.

Benvenuta, estate nuova,

amica mia, portatrice

di un nuovo domani.

 

Luglio 2017

Sebastiano Pistore

Estate felice

Desideri molto ambiziosi

da realizzare,

mete importanti per me,

guidati da

instancabili speranze

e forza di volontà.

Coraggio di vivere

e potere dei sogni

accompagnano le mie giornate

a volte tristi

e intrise di cupi strati di grigio.

Ma subito passa

e torna il sol leone

che tutto spazza via

e fa tornare speranze,

coraggio di vivere

in armonia con la natura

e l’essere.

Sei il mio sole estivo,

la mia estate,

la mia forza.

 

Sebastiano Pistore

L’estate

In un momento, di colpo, le nuvole appaiono

e il temporale risuona tonante.

Mi sembra che il cielo mi scoppi intorno

e l’aria si riempie di notte.

Tutta l’estate si rompe d’incanto,

le note mi irrompono dentro,

il mio cuore trasale vibrante,

il mio cuore mi duole all’istante.

Anche la traccia del mio destino

si confonde nel sogno

di questa estate magica

fuori da ogni logica.

Forse la vita cambia colore alle stagioni

e le emozioni rincorrono le nuvole.

Anche i pensieri dolci

crescono in forme strane

e tutto ciò che rimane

è un’estate di gioco;

ma ci vuole poco

a farla sembrare una vita.

 

Sebastiano Pistore